3D Monuments Firenze Cupola del Brunelleschi

La grande cupola di Santa Maria del Fiore

La tecnica innovativa di Brunelleschi

La Cupola del Brunelleschi caratterizza la Cattedrale di Santa Maria del Fiore, che fu iniziata nel 1296 su progetto di Arnolfo di Cambio.

Nel 1418 la fabbrica del Duomo è ferma dopo la costruzione del tamburo ottagonale della cupola, largo internamente circa 46 metri. Una cupola così grande non era mai stata messa in opera dai tempi del Pantheon e le tecniche tradizionali sembravano improponibili per le dimensioni del foro da coprire. Brunelleschi vinse il concorso indetto per affrontare il problema e due anni dopo iniziarono i lavori. Il progetto prevedeva la costruzione di una cupola a doppia calotta, formata da una volta interna autoportante realizzata con mattoni a spina di pesce e una esterna di copertura, con intercapedine vuota. Brunelleschi mise a punto un’impalcatura sospesa da terra che si innalzava gradualmente da una piattaforma montata all’altezza del tamburo e fissata alla muratura.

Conclusa la costruzione della cupola nel 1436, la cattedrale venne consacrata in presenza del Papa Eugenio IV.

Gli affreschi interni

Per la decorazione interna della cupola del Brunelleschi, inizialmente prevista a mosaico, il Granduca Cosimo I de’ Medici scelse il tema del Giudizio Universale e affidò l’esecuzione degli affreschi a Giorgio Vasari.

La cupola è divisa in otto spicchi e cinque registri. Ogni spicchio comprende dall’alto verso il basso i 24 vegliardi dell’Apocalisse; un coro angelico con gli strumenti della passione; una categoria di santi ed eletti; una triade di personificazioni, raffiguranti un dono dello Spirito Santo, le sette Virtù e le sette Beatitudini; una regione dell’inferno dominata da un peccato capitale. Di fronte alla navata centrale campeggia Cristo in Gloria fra la Madonna e San Giovanni Battista sopra le tre Virtù Teologali e le figure allegoriche del Tempo e della Chiesa Trionfante. Alla morte del Vasari solo il primo registro era compiuto. Al suo posto fu scelto Federico Zuccari, che abbandonò la tecnica ad affresco a favore della tempera e inserì fra gli eletti una galleria di personaggi contemporanei fra cui se stesso. Il ciclo fu concluso nel 1579.

La conclusione dei lavori

Restava da costruire la lanterna, che Brunelleschi aveva già ideato in quegli anni. Dopo un altro concorso venne approvato il suo progetto, che prevedeva un prisma a otto facce con contrafforti agli angoli e alte finestre lungo i lati, con copertura a cono rovesciato e scanalato. La lanterna ha il compito statico di chiudere le otto vele da cui è composta la cupola. Nel disegnarla Brunelleschi si ispirò forse alle oreficerie sacre, come gli incensieri o gli ostensori, ingrandendole su scala monumentale.

La costruzione vera e propria prese il via solo nel 1446 e un mese dopo Brunelleschi morì, quando era stata edificata solo la base. L’opera venne portata a termine da Michelozzo nel 1461. Andrea del Verrocchio creò la palla dorata con croce sulla sommità.

Nel nostro shop trovi il 3D Monuments Cupola del Brunelleschi. Per creare dei modelli perfetti puoi seguire i nostri suggerimenti.

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *